I benefici cosmetici del miele, il nuovo salvatore della pelle

Come includere il miele nella solita routine di cura della pelle e sentirsi bellissime? Se siete alla ricerca di un metodo naturale e casalingo per avere una pelle luminosa che non bruci, non causi eruzioni cutanee o semplicemente che non vi farà combinare un gran pasticcio, il buon vecchio miele è quello che fa al caso vostro.

Se siete alla ricerca di un metodo naturale e casalingo per avere una pelle

Il miele grezzo è una risorsa incredibile per la pelle grazie alle sue proprietà antibatteriche e all’alto contenuto di antiossidanti, utilissimi per la cute. Se siete alla ricerca di una soluzione economica o di un potente trattamento per la pelle, il miele grezzo può aiutarvi a ritrovare la vostra luminosità.

Le principali proprietà benefiche per la pelle del miele:

  • Acne: Il miele è un antibatterico naturale, quindi è ottimo per il trattamento e la prevenzione dell’acne.
  • Invecchiamento: Ricco di antiossidanti, è ottimo per rallentare l’invecchiamento.
  • Miglioramento dell’incarnato: è estremamente idratante e lenitivo, quindi aiuta a restituire luminosità al viso.
  • Pori: Il miele è schiarente perché apre i pori e li rende facili da liberare.

Come decidere di adottare uno stile di vita sano

Scriversi tutto

Tenete un diario dei pasti o un diario alimentare per monitorare le vostre abitudini in due giorni lavorativi tipici e uno del fine settimana. Siate onesti. Se aggiungete panna o zucchero al caffè, scrivetelo. Fate caso se il cibo che consumate fa parte di un pasto o di uno spuntino, se viene consumato da solo o con altri, se lo mangiate perché avete fame o semplicemente perché è l’ora di mangiare.

Tenete un diario dei pasti o un diario

Cominciare dall’inizio

  • Fate colazione con cereali integrali, carboidrati complessi che vengono smaltiti lentamente e forniscono energia duratura. Mangiare carboidrati complessi nelle prime ore del giorno può anche ridurre la tendenza a mangiare troppo nel corso della giornata.
  • Leggere le etichette per conoscere gli ingredienti degli alimenti che scegliete.
  • Misurate le porzioni per acquisire maggiore familiarità con le dosi standard raccomandate.
  • Riunite la famiglia o gli amici per i pasti e concentratevi sulle persone piuttosto che il cibo. Organizzare una cena è impossibile? Provate a fare colazione insieme durante la settimana o un brunch più rilassato nel fine settimana.
  • Prendetevi il tempo di mangiare e gustare il cibo. Pranzare alla scrivania o cenare mentre si guarda la televisione può aumentare il consumo di calorie perché è facile mangiare di più quando non siamo concentrati sul pasto.
  • Lavatevi spesso le mani, ad esempio prima e dopo aver preparato o sistemato del cibo e prima e dopo aver mangiato, per ridurre i rischi di raffreddore e influenza.
  • Bevete molta acqua per rimanere idratati e mantenere attive le funzioni del corpo. Ricordate anche che l’acqua può essere un sostituto sano di altre bevande che aggiungono solo calorie inutili.
  • Siate attivi. Fate le scale invece di prendere l’ascensore, parcheggiate alla fine della via e camminate o fate il giro del vostro palazzo più volte al giorno per aiutare a mantenere l’appetito sotto controllo, aumentare l’energia e ridurre lo stress.
  • Sforzatevi di mantenere un programma di sonno regolare. Troppo o troppo poco sonno può sconvolgere il ritmo del corpo.
  • Decidete di consumare alimenti che sono fondamentali per la gestione del peso e della salute.

Consigli per dimagrire senza seguire una dieta

Uno dei modi più semplici per perdere peso è quello di invertire il tradizionale periodo di dieta e adottare uno stile di vita sano. Date un travolgente benvenuto ad alcune nuove e salutari abitudini che vi aiuteranno a raggiungere i vostri obiettivi di dimagrimento. Ecco alcuni consigli per aiutarvi a dimagrire nel prossimo futuro.

Fare il pieno di proteine ​​magre

Cominciate a cucinare proteine: frutti di mare, carni bianche di pollo e tacchino, uova, carne di manzo, fagioli, soia e persino lo yogurt vi aiuteranno a dimagrire. Mangiare proteine ​​può segnalare allo stomaco di produrre una minore quantità dell’ormone che stimola l’appetito, la grelina. Di quante proteine abbiamo bisogno? Dividete il vostro peso a metà. Voilà! Ecco i grammi di proteine che dovreste mangiare per vedere dei risultati positivi.

Eliminare i carboidrati raffinati

Tutti i carboidrati vengono metabolizzati sotto forma di glucosio, la forma più semplice di zucchero. Le fonti integrali di carboidrati, grazie all’alto contenuto di fibre, rilasciano il glucosio più lentamente nel sistema. I carboidrati altamente raffinati e trattati, che sono privi di fibre, crusca e altri nutrienti importanti, vengono metabolizzati molto rapidamente; in questo modo lo zucchero nel sangue aumenta velocemente per poi scendere altrettanto velocemente. Quando il livello di zucchero nel sangue cala, andiamo in cerca di snack, il livello di carboidrati raffinati aumenta, e il ciclo si ripete. È meglio avere un rilascio lento piuttosto che una rapida ondata nel sistema.

Vai di insalata

L’insalata fa benissimo, purché non galleggi in condimenti cremosi e ricchi di grassi. Quindi fate il pieno di verdure fresche come cavolo nero, lattuga romana, spinaci e lattuga a foglia rossa e verde. Aggiungete anche delle erbe aromatiche come finocchio, basilico e coriandolo. Create un condimento con olio extravergine di oliva e aceto balsamico o limone. Condite a piacere con sale e pepe, o con erbe mediterranee. Accompagnate il vostro piatto di proteine ​​magre con un contorno di broccoli o cavolini di Bruxelles al vapore. Prendete l’abitudine di mangiare verdure deliziose e nutrienti, che migliorano l’umore, e nutrienti, che potenziano l’immunità, due volte al giorno.

Fare il pieno di proteine magre

Monitorare quello che si mangia

Siate consapevoli delle vostre abitudini alimentari e delle vostre emozioni in relazione al cibo e ai livelli energetici. Qual è il vostro livello di stress quando mangiate? Il trucco è individuare le proprie abitudini alimentari, i livelli di attività e i meccanismi che attuate per gestire lo stress.